Home » Alimentazione » Dieta Oloproteica: esempio, ricette, alimenti, risultati

Dieta Oloproteica: esempio, ricette, alimenti, risultati

Vediamo cos’è e come funziona la Dieta Oloproteica, che ha come principale funzione il trattamento dell’obesità ed di alcuni casi di sovrappeso.

La Dieta Oloproteica

La Dieta Oloproteica è un regime alimentare da seguire per 21 giorni, che permetterebbe un calo ponderale rapido, efficace e sicuro, soprattutto a carico della massa grassa, preservando quella magra ed evitando il recupero dei chili persi.

La regola base è quella di seguire la dieta rigorosamente in tutte le sue fasi.

Questo metodo è stato elaborato alla fine degli anni ’90 da un’equipe di studiosi italiani, sotto la guida del Prof. Giuseppe Castaldo, responsabile dell’U.O di Dietologia e Nutrizione Clinica dell’A.O.R.N. “San Giuseppe Moscati” di Avellino.

Il successo del trattamento è stato dimostrato da numerosi casi e sperimentazioni internazionali e italiani.

La Dieta Oloproteica è conosciuta anche come “liposuzione alimentare“, poiché aiuta a combattere le adiposità localizzate, soprattutto nella zona gluteo-femorale della donna e addominale dell’uomo.

Per questi motivi risulta essere una valida alleata, con ruolo complementare e sinergico, ai trattamenti di medicina e chirurgia estetica, finalizzati al riequilibrio della silhouette.

Come funziona

Questo protocollo alimentare rappresenta una fase iniziale di attacco, a bassissimo contenuto calorico, di un programma alimentare che prevede poi l’introduzione di regimi dietetici ipocalorici più bilanciati.

L’obiettivo ultimo è il mantenimento a lungo termine del peso, educando le persone ad una corretta e sana alimentazione e ad una regolare attività fisica.

L’assunzione della quota proteica è divisa in due, per il 50% viene assunta attraverso integratori in polvere a base di sieroproteine arricchite di aminoacidi ad alto valore biologico.

L’altro 50% viene assunto, invece, attraverso alimenti proteici, come pesce e carne, dalla grammatura calcolata in base al peso corporeo.

Gli zuccheri concessi vanno dai 10 ai 20 g, assunti principalmente dalle verdure, mentre i grassi sono solo 10 g al giorno.

Proprio per la sua rigidità in questa dieta risulta fondamentale  l’uso di integratori.

Integratori nella Dieta Oloproteica

L’integrazione base di questa dieta consiste in:

  • minerali alcalinizzanti per modulare l’acidosi metabolica e la produzione di corpi chetoni,
  • minerali come potassio, magnesio e calcio che vengono persi durante il giorno,
  • oligoelementi, vitamine, omega 3 ed antiossidanti.

Fasi della Dieta Oloproteica

La Dieta Oloproteica si suddivide in 3 fasi:

1- Dieta D’attacco: Alimentazione personalizzata con chetogenesi controllata che dura circa 21 giorni.

2- Dieta transizione: Alimentazione ipocalorica sul modello della Dieta mediterranea, con reintegro graduale. Questa fase dura solitamente circa 42 giorni.

3- Riequilibrio metabolico: Alimentazione leggermente ipocalorica, sempre sul modello della Dieta mediterranea.

Menù d’esempio della Dieta Oloproteica

Il menù giornaliero prevede solitamente :

  • 2 pasti a base di Proteine del siero del latte,
  • 1 pasto a base di pesce o carne con verdura,
  • 2 spuntini a base di Fibra solubile o finocchi o cetrioli,
  • 1-2 spuntini con Actimel 0,1%

Risultati, benefici e cointroindicazioni

Questa Dieta è una vera e propria terapia e, per questo, va prescritta e monitorata da un medico.

Grazie alla sua rigidità aiuta sicuramente a perdere peso.

Come ogni dieta chetogenica, non essendo una dieta equilibrata, può essere però nociva per la salute, anche a suo favore è il fatto di essere imitata a soli 21 giorni, dopodiché si inizia un protocollo di reintegrazione.

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi ad uno specialista per ricevere un regime alimentare sano, equilibrato e personalizzato.



Potrebbero interessarti anche questi articoli