Home » Crescita » Empatia: cos’è e come svilupparla

Empatia: cos’è e come svilupparla

Qualcuno pensa che il saper capire in modo perfetto l’altra persona è un superpotere? In realtà non è cosi, ma si parla semplicemente di una capacità umana: l’empatia.

L’empatia uno degli elementi che costituiscono l’intelligenza emotiva.

L’empatia è un ottimo strumento per entrare in complicità e sintonia con un’altra persona con la quale si interagisce.

Grazie a questa capacità si ha la possibilità di riconoscere le emozioni di un’altra persona come se fossero le proprie.

L’empatia è infatti il saper mettersi nei panni dell’altro, è una delle porte d’accesso agli stati d’animo ed il mondo in generale di un altro individuo.

Comunemente l’empatia è prestare la propria attenzione ad un’altra persona mettendo da parte in quel momento tutto ciò che riguarda le proprie emozioni, pensieri e preoccupazioni personali.

Empatia è saper sentire ed interpretare le emozioni degli altri ed allo stesso tempo dare anche una risposta affettiva.

Non è solo mettersi nei panni dell’altro ma anche la capacità di non confondere la percezione dell’altro con la propria.

La psicologa americana Norma Feshbach ha individuato per la prima volta le componenti dell’empatia:

  • Assumere ruolo e prospettiva dell’altro.
  • Decodificare gli stati d’animo degli altri.
  • Rispondere in modo affettivo alle emozioni provate.

L’empatia nella società gioca un ruolo molto importante dato che permette di instaurare rapporti positivi e trasparenti.

Grazie al saper condividere e sentire ciò che provano le altre persone che ci circondano permette di stabilire una comunicazione efficace e chiara, alla base di rapporti basati su onestà e fiducia.

L’empatia è in grado di trasmettere effetti benefici per tutti ed abbatte i muri innalzati (blocchi causati) da pregiudizi, incomprensioni permettendo così ad ognuno di eliminare ogni maschera ed ogni paura del giudizio e dell’essere giudicati.

Il termine deriva dal greco e tradotto significa “sentire dentro“.

Come svilupparla

L’empatia è una competenza che ogni persona può acquisire, a qualsiasi età.

Ma come si sviluppa l’empatia?

Non tutti ne abbiamo la medesima dose, c’è chi ne ha di più e chi ne ha di meno ed è una capacità che può essere sempre rafforzata e sviluppata.

  • Sii umile: essere molto aperti nei confronti degli altri ed avere una predisposizione d’animo è alla base dell’empatia.
  • Riconosci le tue emozioni: è forse impossibile riuscire a riconoscere le emozioni altrui se in primis non si riconoscono le proprie. Per questo, per sviluppare l’empatia è necessario sviluppare la consapevolezza di se stessi.
  • Interagisci con più persone: esci dalla tua confort zone e confrontati con chi ti circonda. Inizia ad interagire anche con chi solitamente non è parte del tuo giro di amicizie o della tua solita cerchia. Allontananti dal quotidiano e fai anche nuove conoscenze.

Empatia nei bambini

Ma invece, come spiegare ai bambini l’empatia e come insegnarla?

Un classico esempio di empatia nei bambini è l’importanza del chiedere scusa.

Ai bambini al giorno d’oggi sembra che si insegni sempre di meno la gentilezza, la cortesia, ed appunto l’empatia verso il prossimo. Tutto questo senza sapere che l’empatia può rendere i bambini più socievoli, felici ma soprattutto li aiuta a sviluppare relazioni personali e professionali nel tempo.

Quante volte vostro figlio ha commesso un errore, ha per sbaglio fatto male ad un altro bambino o bambina, ha litigato con il fratello o la sorella ed ha chiesto scusa solo perchè costretto da te genitore a farlo?

La parola “scusa” detta in modo non sentito manca di empatia.

E come insegnare ad un bambino ad essere empatico?

Uno psicologo di Atalanta, Erik Fisher spiega:

La cosa più importante che dobbiamo insegnare ai nostri figli è l’educazione emotiva. I bambini di solito non vengono formati su come gestire le loro emozioni e, in particolare, su come entrare in sintonia con le persone intorno.

Ecco alcuni consigli per aiutare a far sviluppare in vostro figlio l’empatia fin da bambino:

  • Create un mantra di famiglia.
  • Parla al bambino delle emozioni e dei sentimenti.
  • Aiutalo a mettersi anche nei panni degli altri.
  • Dagli il buon esempio.
  • Dimostragli e trasmettigli la gentilezza.

Come capire se una persona è empatica

Ma come capire se una persona è empatica?

Le persone dotate di empatia puoi riconoscerle facilmente, hanno la capacità di cogliere, comprendere e provare emozioni altrui.

Essere empatici però ha anche i suoi risvolti negativi dato che comporta il ‘caricarsi’ oltre che di sentimenti positivi, di quelli negativi, emozioni negative, ansie, paure altri.

Se ti riconosci tra queste caratteristiche probabilmente sei anche te una persona empatica.

  • Riesci a sentire le emozioni degli altri provando anche gli stessi dolori.
  • Sei una persona introversa.
  • La sera sei scarico/a emotivamente.
  • Sai quando qualcuno sta mentendo.
  • Hai una forte bontà d’animo.
  • Sei molto sensibile.
  • Passi parecchio tempo da solo/a.

Cosa significa provare empatia?

Provare empatia significa saper ascoltare il mondo e se stessi in primis. Provare empatia è anche prestare un’attenzione particolare verso le emozioni ed i bisogni altrui ed essere in grado di comprendere lo stato d’animo dell’altra persona (gioie e dolori) e di comprendere anche i suoi bisogni.

Comunicazione empatica

L’empatia è uno degli strumenti base della comunicazione ed è uno strumento molto gratificante.

La comunicazione empatica consiste nel comprendere lo stato d’animo del narratore. L’ascolto è infatti alla base della comunicazione empatica ed il saper ascoltare significa essere anche disposti all’interazione, allo scambio e alla crescita personale.

Quindi cosa vuol dire comunicazione empatica?

Comunicare in modo empatico significa non limitarsi al “sentire” i discorsi che ci vengono fatti, o le storie che ci vengono raccontate ma significa ascoltare attivamente inviando continuamente feedback.

La comunicazione empatica permette di esprimere in modo efficace i propri bisogni in maniera del tutto onesta e senza maschere e viceversa consente di comprendere i bisogni altrui tramite una relazione di trasparenza e fiducia.

Ogni persona che incontri sta combattendo una battaglia di cui non sai nulla. Sii gentile. Sempre.

Caratteristiche della comunicazione empatica

I tre elementi fondamentali della comunicazione empatica sono:

  • Autocontrollo: non far prevalere i tuoi bisogni su quelli dell’altro.
  • Trasparenza: non indossare maschere e sii sempre trasparente. Se non sei d’accordo su qualcosa con qualcuno dillo in modo trasparente.
  • Accettazione: evita di giudicare il comportamento dell’altra persona concentrandoti solo su capire cosa sente.

 

Images from: pixabay.com



Potrebbero interessarti anche questi articoli