Home » Alimentazione » Dieta Lambertucci: esempio, ricette, alimenti, risultati

Dieta Lambertucci: esempio, ricette, alimenti, risultati

Vediamo come funziona la Dieta Lambertucci, nota soprattutto al pubblico televisivo che seguiva i consigli di Rosanna Lambertucci in Rai.

Dieta di Rosanna Lambertucci

Rosanna ha condotto, per 16 anni, il programma Più Sani Più belli, che parlava di benessere, diete e salute ed è anche l’autrice di diversi libri sul benessere.

La Dieta Lambertucci è un piano alimentare che ha come obiettivo la perdita di 6/7 kg in meno di due mesi, che inizia con un percorso di depurazione di due settimane.

Avendo come obiettivo la perdita di grasso, senza intaccare la massa magra, è importante compensare con un corretto apporto proteico.

Questo non significa escludere completamente i carboidrati, ma fare attenzione alla loro qualità, preferendo verdure abbinate a pesce, carne, uova e formaggi magri.

Come funziona la Dieta Lambertucci

La dieta inizia con due settimane in cui è possibile mangiare solo verdure e proteine, dalla terza settimana si reintroduce la frutta e dalla quarta i latticini.

Dalla quinta settimana si possono tornare a mangiare i cereali, dalla sesta i legumi e dalla settima settimana inizia un percorso di mantenimento bilanciato ed equilibrato.

Alimenti concessi

Nelle prime due settimane, come abbiamo visto, si possono mangiare solo verdure e proteine, ma non tutti i tipi di vegetali sono concessi, ma solo quelli poco amidacei.

Tra questi vi sono: asparagi, bietole, broccoli, cardi, cavolfiore, cetrioli, crescione, finocchi, funghi, germogli di soia, indivia o insalata belga, insalata verde, melanzane, peperoni verdi, radicchio, ravanelli, rucola, sedano, spinaci e verza.

In questa fase non è necessario contare le calorie, ci si concentra quindi sulla qualità dei cibi e non sulla quantità, occorre bere molto.

Menù tipo nelle diverse settimane

Vediamo qualche esempio di menù tipo nelle varie settimane di Dieta Lambertucci.

Prime 2 settimane

Colazione: bresaola, tè verde o caffè senza zucchero e acqua.

Snack: yogurt magro senza zucchero.

Pranzo e cena: carne magra all griglia o pesce con verdure cotte e crude e 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva.

Merenda: yogurt magro senza zucchero.

3 settimana

Aggiunte:

  • 3 frutti al giorno da 125g
  • verdure come: carciofi, carote, cavolo, peperoni, pomodori, zucca, zucchine, etc..

4 settimana

Aggiunte:

  • 100 g di formaggio magro: ricotta, fiocchi di latte, formaggio linea.

5 settimana

Aggiunte:

  • 2 fette biscottate integrali o 30 g di cereali al mattino,
  • 2 fette di pane di segale a pranzo

6 settimana

Aggiunte:

  • legumi o pasta e legumi o 150g di patate al posto di pranzo o cena, 2 o 3 volte a settimana.

Mantenimento

Alla fine di queste 6 settimane dovremmo essere riusciti a perdere circa 7 kg e arriva il momento del mantenimento, per non riprenderli.

Colazione: bresaola con un uovo, yogurt magro con 30 g di cereali, un frutto.

Snack: yogurt magro

Pranzo: insalata con limone e 1 cucchiaino di olio d’oliva, 70 g di pasta con verdure e 1 cucchiaino di olio, 50 g di formaggio magro e una fettina di pane integrale.

Merenda: 1 frutto

Cena: insalata con limone e 1 cucchiaino di olio, carne magra, verdura cotta di stagione, 1 fettina di pane integrale, 1 frutto piccolo.

Risultati, benefici e svantaggi

Essendo molto restrittiva i risultati in termini di perdita di peso sono facilmente raggiungibili. Soprattutto all’inizio, però, questa dieta non è per nulla equilibrata.

Lo svantaggio principale sta nell’essere molto rigida, soprattutto nelle prime settimane, e l’eliminazione dei carboidrati può causare ancora più fame e sintomi come mal di testa e debolezza.

Non si tratta di una dieta facile da seguire, soprattutto se si soffre di fame nervosa.

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi sempre ad uno specialista ed abbinare ad una sana alimentazione personalizzata dell’attività fisica.



Potrebbero interessarti anche questi articoli