Home » Alimentazione » Dieta OMAD: esempio, ricette, alimenti, risultati

Dieta OMAD: esempio, ricette, alimenti, risultati

Vediamo cos’è e come funziona la Dieta OMAD, ovvero “one meal a day“, un pasto al giorno, e che risultati si possano ottenere con essa.

La Dieta OMAD

La Dieta OMAD è un tipo di alimentazione che appartiene al ramo del digiuno intermittente, che oggi è sempre più usato sia per perdere peso, che per avere più energia.

In questo caso, trattandosi di un unico pasto al giorno, le ore di digiuno sono 23 e, quindi, nell’ora restante si concentrerà la nostra alimentazione.

La regola è quella del 23:1 e, per coerenza, l’ideale sarebbe mangiare, ogni giorno, nell’arco delle stesse 4 ore.

Il consiglio è quello di concentrare tutti i cibi in un unico piatto, magari a metà giornata, mentre per le restanti ore si possono bere solo bevande senza calorie.

Come funziona e quali indicazioni seguire

L’ora in cui si può mangiare tutto quello che si desidera può essere scelta in qualsiasi momento della giornata, anche se la maggior parte delle volte viene scelto il momento della cena.

Gli alimenti consigliati sono tutti quelli molto energetici e nutrienti, come frutta e verdura, poiché dovrai far il pieno di energie in quell’unica ora.

Il piatto deve essere ricco, ma non solo a livello quantitativo, ma soprattutto qualitativo, sarebbe bene non ridurre di botto in modo eccessivo l’introito calorico giornaliero.

Per condire è perfetto l’Olio extravergine d’oliva o i germogli, che sono ottimi a livello nutrizionale.

Per quanto riguarda la carne, sia rossa che bianca, è concessa in modo moderato, a patto che sia biologica.

Non è necessario iniziare la Dieta OMAD all’improvviso, può anche essere iniziata in modo graduale, allenandosi piano piano a digiunare per sempre più ore.

Menù tipo

Vediamo come è composto il menù tipo mer una persona, non vegetariana e non vegana, che segue la Dieta OMAD.

Pasto unico:

  • insalata mista con broccoli, semi di girasole, uova, carote, avocado, sedano e cavolo,
  • riso integrale,
  • pollo al curry,
  • frutta mista con semi di chia.

Risultati e benefici

Le calorie vanno ovviamente ridotte, anche perché il tempo per ingerirle è notevolmente ristretto, per questo un risultato naturale è la perdita di peso.

Tra i suoi benefici, però sembrano essercene altri, tra cui la prevenzione di malattie come il diabete, e il rallentamento di Alzheimer e Parkinson, poiché attraverso il digiuno il corpo si depura da tossine e scorie.

Rimane comunque una dieta estrema e molto restrittiva, per questo ne sono nate versioni più soft come la 16/8 in cui 16 sono le ore di digiuno,  o la 5/2 in cui 2 sono i giorni della settimana in cui si applica il digiuno totale.

Tra i rischi principali della Dieta OMAD vi è quello delle abbuffate selvagge durante l’ora libera, per colpa della troppa fame, e questo potrebbe compromettere l’obiettivo finale.

Non mancano anche dei rischi per la salute, difatti lunghi periodi di restrizione alimentare possono causare alterazione nell’equilibrio dei livelli ormonali e del funzionamento del metabolismo.

Tutto ciò rende probabile l’effetto yo-yo, con la conseguente ripresa dei chili persi, appena si riprende con un’alimentazione tradizionale.

Inoltre la fame data dalle numerose ore di digiuno potrebbe provocare cefalee, stanchezza, spossatezza ed anche irritabilità.

È bene che prima di intraprendere questo stile alimentare si consulti il medico, soprattutto nel caso di problemi di salute.

Il nostro consiglio rimane quello di rivolgersi ad uno specialista e seguire una dieta personalizzata.



Potrebbero interessarti anche questi articoli