Home » Alimentazione » Dieta nutraceutica: esempio, ricette, alimenti, risultati

Dieta nutraceutica: esempio, ricette, alimenti, risultati

Vediamo cos’è e come funziona la Dieta nutraceutica, che oltre a far ritrovare il peso forma ed il benessere generale, aiuta ad allungare la vita, usando il cibo come una vera e propria medicina.

Cos’è e come è nata la Dieta nutraceutica

È ormai ampiamente dimostrato come la salute del corpo sia strettamente legata a ciò che si mangia e per questo la Dieta nutraceutica sta avendo molto successo oggi.

Si tratta di una strategia alimentare che prevede l’inserimento, nell’alimentazione quotidiana, di alimenti specifici.

Questi devono essere ricchi di sostanze nutritive, che aiutano a migliorare la funzionalità dell’organismo mantenendolo in forma ed in salute.

La nutraceutica è la disciplina che studia le varie tipologie di nutrimenti contenuti nei microrganismi, nelle piante e nei prodotti di origine animale, analizzando anche come questi influiscono sul benessere e la salute del corpo.

Il nome nasce nel 1989, per opera del nutrizionista Stephen L. De Felice, presidente della fondazione “The Foundation for Innovation in Medicine“.

Esso deriva dall’unione di due parole: “nutrition” ,o nutrizione, e “pharmaceutica“, ovvero farmaceutica.

La base di questa dieta, infatti, come abbiamo visto, è l’idea che alcuni alimenti possano agire sull’organismo come dei veri farmaci, agendo positivamente sulla salute ed il benessere del corpo, o addirittura prevenendo alcune patologie.

In Italia uno dei massimi esponenti è il professor Arrigo Cicero, docente all’Università di Bologna e presidente della Società italiana di nutraceutica, (Sinut).

Ti potrebbe anche interessare Dieta nordica: esempio, ricette, alimenti, risultati 

I nutraceutici

Il termine fa, però, riferimento a sostanze di origine naturale in grado di svolgere un’attività salutistica sull’essere umano, di conseguenza, si può fare riferimento ad alimenti ricchi in nutraceutici, mentre non è corretto parlare di “alimenti nutraceutici”.

Le formulazioni più utilizzate prevedono l’utilizzo di nutraceutici estratti, quando il principio attivo viene isolato, purificato e inserito in una forma farmaceutica, come una compressa o una capsula.

Sul piano della classificazione, però, la distinzione legislativa fra i diversi prodotti non è del tutto chiara e pertinente, poiché in Italia, come nella maggior parte dei Paesi europei, i nutraceutici rientrano unicamente nella categoria degli integratori alimentari.

Per alcuni di essi, questa classificazione è corretta, come puntualizza Cicero, in quanto sopperiscono a eventuali carenze di specifici nutrienti, mentre altri principi attivi di origine naturale svolgono azioni indipendenti dall’azione fisiologica legata al metabolismo.

Ad esempio, alcuni nutraceutici agiscono in modo specifico su alcuni organi, come il coenzima Q10 che migliora la funzionalità cardiaca. 

La condroitina e la glucosamina, invece, esercitano una forte azione protettiva sulle cartilagini, mentre l’acido alfa-lipoico supporta la salute dei nervi periferici.

È importante, però, precisare, che si tratta di sostanze normalmente non introdotte con l’alimentazione, e di conseguenza non è corretto identificarle come un supporto riconducibile a essa.

Come funziona

Quando si parla di Dieta nutraceutica si intende uno stile alimentare che prevede l’assunzione di nutraceutici, derivati alimentari come antiossidanti, vitamine, acidi grassi polinsaturi, complessi enzimatici e altri.

Nella pratica ci si riferisce a tutti quei cibi e prodotti che contengono dei composti attivi, estratti da alimenti per lo più di origine vegetale, che apportano poco calorie, ma hanno una forte azione curativa e di prevenzione.

Importanti sono, però, anche gli abbinamenti tra queste sostanze, siano esse sotto forma di veri e propri cibi, capsule, compresse o alimento addizionato.

La Dieta nutraceutica è quindi una guida che cerca di educare ed insegnare cosa e come portare a tavola ogni giorno. Tutto questo allo scopo di prendersi cura della propria salute.

Questi cibi e prodotti vengono introdotti nelle abitudini alimentari quotidiane attraverso una dieta equilibrata creata ad hoc da un medico specialista, in base anche alle esigenza del soggetto.

Si tratta sempre di una dieta personalizzata, equilibrata e ben bilanciata, ma non esiste un menù standard e ripetibile per tutti.

Alimenti consigliati

Tra gli alimenti concessi, anzi consigliati, si hanno:

  • yogurt, ricco di probiotici che aiutano l’intestino a funzionare nel modo corretto, agendo direttamente sulla flora batterica,
  • legumi, ricchi di isoflavoni in grado di rinforzare il sistema nervoso, aiutano anche a restare giovani più a lungo,
  • pesce azzurro e alghe, che grazie agli omega 3, tra le diverse proprietà, agiscono anche contro le malattie di tipo cardiovascolare o infiammatorio,
  • bacche di goji, antitumorali e ricchi di antiossidanti che rallentano l’invecchiamento,
  • tè verde, che grazie ai polifenoli, bioflavonoidi e tannini contenuti, aiuta a rinforzare il sistema immunitario, migliora la salute dei capelli, delle ossa e della pelle a facilitano la digestione,
  • cacao, che regola la pressione sanguigna e agisce positivamente sull’umore,
  • kiwi, che aiuta a prevenire le malattie degenerative coma Alzheimer e Parkinson,
  • pomodori, ricchi di antiossidanti ed aiutano anche ad abbassare i livelli di colesterolo e prevenire l’ictus,
  • olio extravergine di oliva,
  • curcuma, antiossidante dalle proprietà depurative e antitumorali,
  • frutti rossi, prevengono dalle patologie cardiovascolari, cancro e malattie metaboliche,
  • broccoli, ottimi per la digestione e altamente detox,
  • cavoli,
  • spinaci.

Esempio di menù giornaliero

Anche se, come abbiamo detto, non esiste un menù ripetibile ed uguale per tutti, ve ne riportiamo uno solo a scopo esemplificativo.

Colazione: tè verde, yogurt magro con cereali e frutta.

Spuntino: frutta fresca di stagione.

Pranzo: pasta integrale con broccoli ed insalata mista co un cucchiaino di olio extravergine di oliva.

Merenda: frutta fresca.

Cena: pesce cotto ai ferri con verdure miste di stagione e pane integrale.

Risultati e benefici della Dieta nutraceutica

Con la Dieta nutraceutica vengono consumati “alimenti” ricchi di sostanze nutritive, il cui maggior beneficio è quello di agire per il miglioramento generale delle diverse funzioni dell’organismo, aiutandolo a mantenersi in forma e in salute più a lungo.

Il consumo di nutraceutici, porta con sé notevoli vantaggi per il corpo tra cui:

  • la capacità di ritardare l’invecchiamento;
  • la prevenzione di alcune patologie croniche, come le malattie a livello cardiovascolare;
  • l’aiuto in specifiche funzioni corporee metaboliche;
  • il miglioramento delle condizioni generali di salute.

Come la classica Dieta Mediterranea, quindi, ha possibili conseguenze positive sulla vita quotidiana di chi decide di seguirla.

Risulta, in questo modo, essere un modo sano di alimentarsi e che, integrato all’attività fisica e ad un corretto stile di vita, possono regalare benessere e salute a tutte le età e in modo duraturo.

L’importante è, come ormai risaputo, rivolgersi sempre ad uno specialista del settore.



Potrebbero interessarti anche questi articoli