Home » Salute » Anemia: cos’è e come si cura

Anemia: cos’è e come si cura

L’anemia deriva da un abbassamento dei globuli rossi e dell’emoglobina, la quale è molto importante in quanto è una proteina che serve per condurre l’ossigeno per tutto il nostro corpo tramite il sangue. Questa riduzione dell’emoglobina, può essere transitoria oppure permanente, tutto dipende da quali tipi di anemia si possiede e se si fanno le adeguate cure per eliminare questo problema.

Esistono due tipi di anemia: l’anemia sideropenica, la quale è causata maggiormente dalla carenza di ferro e l’anemia perniciosa, la quale è scaturita dalla mancanza di vitamina B12 o dall’acido folico. Possono essere entrambe curate con le determinate terapie, molto spesso l’anemia viene alle donne che possiedono ancora il ciclo mestruale per la perdita mensile di sangue.

Come capire se si ha l’anemia

Per capire se si ha l’anemia bisogna controllare se si hanno i sintomi così da informare il proprio medico e per farsi prescrive le eventuali cure. I sintomi dell’anemia sono:

  • l’aumento dei battiti cardiaci;
  • Spossamento;
  • Essere quasi sempre pallidi;
  • Difficoltà nel dormire;
  • Problemi nel respirare;
  • Svenimenti;
  • Forti mal di testa;
  • Dolori nelle gambe (quest’ultima però solo nei casi molto gravi).

Inoltre, è possibile capire se si ha l’anemia con le analisi del sangue, infatti, per soffrirne il livello di emoglobina deve essere per gli uomini al di sotto dei 13,4 g/dL mentre per le donne deve essere inferiore ai 12 g/dL. Esiste anche un altro fattore nel quale può essere identificato l’ematocrito che deve essere per le donne il 37% e negli uomini il 40%.

Cosa provoca l’anemia

Le cause dell’anemia sono molti, le principali sono: le emorragie, quindi perdita dei globuli rossi, una diminuzione di fabbricazione dei globuli rossi oppure anche l’esatto opposto ovvero l’aumento smisurato della produzione dei globuli rossi.

Cosa mangiare quando si è anemico

Quando si è anemici si possono mangiare vari tipi di cibi, per questo la dieta è molto varia e la maggior parte delle volte l’anemia può essere evitata assumendo questo tipo di alimentazione.

Innanzitutto, bisogna mangiare i prodotti che contengono ferro che sono:

  • le uova, qualsiasi tipo l’importante è assimilare il tuorlo;
  • Le carni rosse, che possono essere quelle bovine, equine;
  • Legumi;
  • Cereali;
  • Verdura con le foglie scure;
  • Frutta secca.

Devo essere acquisiti anche alimenti che contengono vitamina C che sono:

agrumi e frutta dolce, come pompelmo, mandarino, arancia, limone, fragola e ciliegia;
Verdura e ortaggi come lattuga, peperone, carota, pomodoro, broccolo e prezzemolo.

Inoltre, cibi che possiedono la vitamina B12 che sono:

  • latticini;
  • Carne rossa e bianca;
  • Soia;
  • Cereali;
  • Crostacei.

Per ultimo, ma non meno importante, è l’assunzione dell’acido folico che può essere assunto:

  • Legumi;
  • Verdura con foglia verde scuro;
  • Frutta dolce, come la banana e la mela;
  • Frutta acidula, come gli agrumi.

Cosa succede se non si cura l’anemia

Come abbiamo detto, questi tipi di anemie possono essere tranquillamente curati, ovviamente ci vorranno anche molti mesi prima che i valori ritornino nella norma. Tuttavia, se l’anemia non viene presa in considerazione e non vengono fatti le determinate cure, questa può avere delle conseguenze gravi. Se viene trascurata può causare un ritmo molto accelerato del cuore, infatti, quest’ultimo deve pompare di più in quanto riceve poco ossigeno dal sangue.
Nel caso di anemia perniciosa e questa non viene curata a lungo andare può portare dei gravi problemi ai nervi neurali causando delle demenze in quanto la vitamina B12 è molto importante per il cervello.
Photo credits : Pixabay


Potrebbero interessarti anche questi articoli