Home » Salute » Emorroidi interne: cause, sintomi e rimedi

Emorroidi interne: cause, sintomi e rimedi

Articolo aggiornato il 21/02/2023

Le emorroidi interne sono una patologia comune che colpisce molte persone. Si tratta di una condizione caratterizzata dall’infiammazione delle vene nell’area rettale e anale differente ovviamente alle emorroidi esterne. Queste possono causare dolore, sanguinamento e fastidio, e se non trattate possono peggiorare nel tempo.

Le emorroidi interne si sviluppano quando le vene nell’area rettale e anale si dilatano e si infiammano. In genere, queste vene sono presenti in tutti noi e aiutano a mantenere la continenza fecale. Tuttavia, quando queste vene si dilatano troppo, possono causare sintomi fastidiosi.

Sintomi delle emorroidi interne

I sintomi delle emorroidi interne possono variare da persona a persona, ma in genere includono dolore, prurito, fastidio, sanguinamento e una sensazione di pienezza o pressione nell’area anale.

  • Il dolore è uno dei sintomi più comuni e può variare da lieve a grave. Il dolore può essere costante o intermittente e può peggiorare durante l’evacuazione.
  • Il prurito è un altro sintomo comune. Questo sintomo è spesso causato dall’infiammazione delle vene e dalla presenza di muco nell’area rettale.
  • Il fastidio è un altro sintomo può variare da lieve a grave e può essere causato dalla presenza di gonfiore e infiammazione nell’area rettale.
  • Il sanguinamento è un sintomo comune e può variare da leggero a grave e può verificarsi durante l’evacuazione. Il sanguinamento può anche causare prurito e fastidio nell’area anale.
  • Infine, la sensazione di pienezza o pressione nell’area anale è un altro sintomo comune che è spesso causato dalla presenza di gonfiore e infiammazione nell’area rettale.

Emorroidi interne: le cause

Ma quali sono le cause delle emorroidi interne? Approfondiamo le possibili cause e i fattori di rischio che possono contribuire all’insorgenza di questa patologia.

Costipazione

La costipazione è una delle principali cause. Quando le feci si accumulano nell’intestino, la pressione all’interno dell’ano aumenta, causando la dilatazione delle vene. Questo aumenta il rischio di sviluppare emorroidi interne, specialmente se la stipsi è cronica e persistente.

Gravidanza

Un’altra possibile causa è la gravidanza. Durante la gravidanza, il corpo femminile subisce molti cambiamenti, compreso un aumento della pressione nell’area pelvica. Questa pressione può causare la dilatazione delle vene e la formazione di emorroidi interne.

Obesità

L’obesità è un altro fattore di rischio che può contribuire allo sviluppo delle emorroidi interne. L’eccesso di peso può aumentare la pressione nell’area pelvica e causare la dilatazione delle vene. Inoltre, uno stile di vita sedentario e l’assenza di esercizio fisico possono anche contribuire all’insorgenza di questa patologia.

Malnutrizione

Anche una dieta sbilanciata può essere una causa delle emorroidi interne. Una dieta povera di fibre può causare la costipazione, che a sua volta può portare alla formazione delle stesse. Invece, una dieta ricca di fibre può aiutare a prevenire la costipazione e ridurre il rischio di sviluppare il problema.

Età

L’età è un altro fattore di rischio che può contribuire allo sviluppo di questo problema. Con l’invecchiamento, le pareti delle vene diventano meno elastiche, rendendo più facile la formazione delle stesse.

Stress

Infine, lo stress può anche essere una causa delle emorroidi interne. Lo stress può causare problemi intestinali, come la costipazione, che a sua volta può portare alla formazione di questo problema.

Emorroidi interne rimedi

Esistono diversi rimedi per alleviare i sintomi delle emorroidi interne. 

Rimedi naturali

Uno dei modi più semplici per alleviare il dolore e il fastidio è quello di applicare un impacco di ghiaccio sulla zona colpita. Il freddo aiuta a ridurre il gonfiore e l’infiammazione delle vene, alleviando i sintomi.

Un’altra opzione è quella di utilizzare una crema o un unguento che contiene corticosteroidi, che aiutano a ridurre il gonfiore e l’infiammazione. Questi prodotti possono essere acquistati senza prescrizione medica e sono spesso utilizzati per alleviare il prurito e il dolore.

Rimedi farmaceutici

In alcuni casi, i medici possono prescrivere farmaci specifici per alleviare i sintomi delle emorroidi interne. Ad esempio, i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) possono essere utilizzati per ridurre il dolore e il gonfiore.

Rimedi chirurgici

Se i sintomi non migliorano con i rimedi casalinghi o farmaci da banco, potrebbe essere necessario ricorrere a interventi chirurgici per rimuovere le emorroidi. Questi interventi possono includere la legatura delle emorroidi, la coagulazione con laser o la rimozione chirurgica delle emorroidi. Tuttavia, tali interventi sono di solito riservati solo ai casi più gravi di emorroidi interne.

Conclusione

Inoltre, alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare a prevenire la comparsa di emorroidi interne. Ad esempio, mangiare una dieta ricca di fibre e bere molta acqua può aiutare a mantenere le feci morbide e facilitare l’evacuazione. Inoltre, fare esercizio fisico regolarmente e evitare di trattenere l’urina o le feci può anche ridurre il rischio di svilupparle.



Potrebbero interessarti anche questi articoli

Carie: cos’è e come si cura

Cos’è la Carie? L’azione di microorganismi presenti nel cavo orale. Come si cura? Di certo, non si cura solo andando dal dentista; il perché lo approfondiremo in questo articolo, in…

Aloe vera sul viso: i benefici 

L’aloe vera sul viso e suoi benefici sono forse uno dei rimedi erboristici più utilizzati per le malattie cutanee attuali. Questo perché i componenti gelatinosi della pianta sono noti per…