Home » Salute » Frutta per diabetici: quale mangiare?

Frutta per diabetici: quale mangiare?

Frutta per diabetici quale scegliere e perché? In questo articolo andiamo a scoprire quali frutti si possono mangiare e perché. 

Quando stai cercando un trattamento adatto al diabete che possa aiutare a mantenere il livello di zucchero nel sangue entro un intervallo sano, non guardare oltre il cassetto dei prodotti del tuo frigorifero o il cesto di frutta sul tavolo della tua cucina.

Che ci crediate o no, l’idea che la frutta non sia sicura è un popolare mito del diabete che è stato sfatato più e più volte. Infatti, molti tipi di frutta sono ricchi di vitamine e minerali che fanno bene alla salute, nonché di fibre, un potente nutriente che può aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue e ridurre il rischio di sviluppare il tipo 2 diabete.

Secondo la ricerca, le fibre, che si trovano anche in alcune delle migliori verdure per il diabete e nei cereali integrali, possono giovare ulteriormente alla tua salute promuovendo sensazioni di pienezza e frenando il desiderio e l’eccesso di cibo. Il mantenimento del peso sano può aumentare la sensibilità all’insulina e aiutare nella gestione del diabete.

Quindi, come si scelgono i frutti migliori per il diabete? Mentre alcune forme di frutta, come il succo, possono essere dannose per il diabete, i frutti interi come bacche, agrumi, albicocche e sì, anche le mele possono essere utili per la tua salute generale, combattere l’infiammazione, normalizzare la pressione sanguigna e altro ancora .

Ma come con qualsiasi alimento nella tua dieta per il diabete, devi essere intelligente nel contare i carboidrati e nel tenere traccia di ciò che mangi. La dimensione della porzione è fondamentale.

 

Frutta per diabetici: come consumarla

Consumare la frutta nella sua forma intera e naturale ed evitare sciroppi o frutta trasformata con zuccheri aggiunti, che tendono a far aumentare la glicemia. Attenersi al corridoio dei prodotti e alla sezione del congelatore del tuo negozio di alimentari. Se stai usando l’indice glicemico (IG) o il carico glicemico – misure di come gli alimenti influenzano i livelli di zucchero nel sangue – per prendere decisioni dietetiche, la maggior parte dei frutti interi è una buona scelta perché tendono a trovarsi in basso in queste classifiche.

Quando hai il diabete, questi passaggi ti aiuteranno a mantenere il livello di zucchero nel sangue entro un intervallo sano, riducendo così il rischio di alcune complicazioni del diabete, tra cui neuropatia (danni ai nervi), malattie renali, problemi di vista come glaucoma, cataratta o retinopatia diabetica e malattie pericolose per la vita come malattie cardiache e ictus.

La prossima volta che hai voglia di qualcosa di dolce, prendi in considerazione una delle seguenti prelibatezze naturalmente dolci e succose, per gentile concessione di Madre Natura: puoi montarlo in un frullato adatto al diabete o mantenerlo semplice e metterlo nella tua borsa per sgranocchiare mentre sei in movimento.

 

Frutti rossi per un effetto antiossidante

Che tu ami i mirtilli, le fragole o qualsiasi altro tipo di bacca, hai il via libera per sbizzarrirti. I frutti rossi sono un super alimento per il diabete perché sono ricchi di antiossidanti e fibre. Una tazza di mirtilli freschi ha 84 calorie e 21 grammi (g) di carboidrati, Se riesci a resistere all’impulso di metterli in bocca, prova i frutti di bosco in un semifreddo, alternando strati di frutta con yogurt senza grassi: è un ottimo dessert o una colazione per il diabete.

 

Crostata di ciliegie per combattere l’infiammazione

Una tazza di ciliegie ha 52 calorie e 12,5 g di carboidrati e possono essere particolarmente utili per combattere l’infiammazione. Le amarene sono anche ricche di antiossidanti, che possono aiutare a combattere le malattie cardiache, il cancro e altre malattie. Questi frutti possono essere acquistati freschi, in scatola, congelati o essiccati. Ma poiché molti frutti in scatola e secchi contengono zuccheri aggiunti, che possono aumentare la glicemia, assicurati di controllare le etichette.

 

Pesche per il metabolismo

Le pesche fragranti e succose sono una delizia per i climi caldi e possono anche essere incluse nella tua dieta adatta al diabete. Una pesca media contiene 59 calorie e 14 g di carboidrati, secondo l’USDA. Ha anche 10 milligrammi (mg) di vitamina C, che copre l’11% del valore giornaliero (DV) per quel nutriente e 285 mg di potassio (6% del DV). Il frutto è delizioso da solo o gettato nel tè freddo per un tocco fruttato. Quando vuoi uno spuntino facile per il diabete, prepara un frullato veloce frullando le fette di pesca con latticello magro, ghiaccio tritato e un tocco di cannella o zenzero.

 

Albicocche per un boccone delizioso e ricco di fibre

Le albicocche sono un dolce alimento base della frutta estiva e una meravigliosa aggiunta al tuo piano alimentare per il diabete. Un’albicocca ha solo 17 calorie e 4 g di carboidrati. Quattro albicocche fresche forniscono 134 microgrammi (mcg) del fabbisogno giornaliero di vitamina A, che è il 15 percento del tuo DV. Questi gioielli fruttati sono anche una buona fonte di fibre. (Quattro albicocche hanno 3 g di fibra, o il 10 percento del DV. Prova a mescolare alcune albicocche fresche a cubetti in cereali caldi o freddi, o gettane un po’ in un’insalata.

 

Mele per uno spuntino veloce ricco di fibre e vitamina C

Una mela al giorno potrebbe davvero allontanare il dottore. Gettane uno nella borsa o nella tote bag se sei in viaggio; una mela di medie dimensioni è un’ottima scelta di frutta, con solo 95 calorie e 25 g di carboidrati. Le mele sono anche ricche di fibre (circa 4 g per frutto medio, per il 16% del tuo DV) e offrono un po’ di vitamina C, con una mela di medie dimensioni che fornisce 8,73 mg o circa il 9% del DV. Non sbucciare le mele, però: la buccia è nutriente, con fibre extra e antiossidanti per la protezione del cuore, 

Ti potrebbe anche interessare: diabete e caldo, sintomi e precauzioni 



Potrebbero interessarti anche questi articoli