Home » Salute » Marisca anale: cos’è e come si cura

Marisca anale: cos’è e come si cura

Articolo aggiornato il 06/03/2023

La marisca anale è qualcosa da non confondere con le sue parenti più strette emorroidi interne ed emorroidi esterne; queste ultime, in realtà, scendono all’interno della marisca, occupandola e infiammandola. C’è una correlazione tra le due, è vero, ma al contempo non potrebbero essere più diverse. All’aspetto la marisca assomiglia ad un condiloma, ma anche in questo caso, i due sono lontani tra loro anni luce. Quindi, cos’è la marisca anale e come si cura?

Cos’è la marisca anale

Cosa sono le marische anali? Nulla per cui allarmarsi in modo eccessivo, ma qualcosa su cui è bene indagare e saperne di più.

In termini tecnici, la marisca anale è un prolasso di tessuto epiteliale fuoriuscito dall’ano. Tale prolasso è probabilmente destinato ad accogliere una discesa emorroidale, ma fino a quel momento non è esente da fastidi ed infiammazioni. Un tessuto che staziona così, al di fuori di un orifizio delicato come l’ano, è sicuramente destinato a provocare fastidi; anche se all’inizio potrebbe risultare perfino difficile accorgersi della loro presenza, con il passare del tempo la marisca diventa un disagio da risolvere.

L’aspetto della marisca è quello di una sacchetta pendula, che probabilmente ha accolto un’emorroide risolta in modo naturale o con brevi cure mediche, oppure che si prepara ad accoglierla. Anche se può spaventare scoprire di avere un corpo, seppur piccolo, estraneo all’area, non bisogna allarmarsi più del dovuto; meglio, piuttosto, informarsi su che cos’è la marisca e come averne cura per evitare complicanze fastidiose.

La marisca anale è un tema di interesse per molti, sia per motivi medici che estetici. Negli ultimi anni, sono stati condotti molti studi scientifici sulla marisca anale per comprenderne meglio la causa e trovare soluzioni efficaci per trattarli. Questi studi hanno esaminato diversi fattori come l’età, il peso, la dieta e l’esercizio fisico e hanno scoperto che questi fattori possono influire sulla formazione della marisca anale. Inoltre, gli studi hanno anche identificato trattamenti come la chirurgia, la liposuzione e la terapia medica che possono aiutare a ridurre o eliminare la marisca anale. Grazie a questi studi scientifici, oggi sappiamo molto di più sulla marisca anale e abbiamo accesso a opzioni di trattamento più sicure ed efficaci.

Differenze con altre formazioni anali

Come già accennato, le marische anali sono ben distinguibili dagli altri disturbi del terminale digestivo. Le ragadi sono marische anali? Assolutamente no. Le ragadi sono piccole ferite superficiali dell’ano, dovute ad episodi semi traumatici come stitichezza o secchezza; non vengono fuori come corpi penduli, e hanno manifestazioni dolorose di diversa intensità ma comunque avvertibili.

Anche con le emorroidi esterne esistono differenze sostanziali, nonostante queste e le marische siano collegate; le emorroidi sono nettamente più gonfie e sature delle marische. I corpi penduli sono visibilmente tesi e infiammati, segno che l’emorroide è già presente. Inoltre il dolore associato alle emorroidi non è riscontrato nelle marische, che invece possono passare per parecchio tempo inosservate.

Tipologie di marische anali

Esistono diverse tipologie di marische anali, tra cui le marische interne ed esterne. Le marische interne sono localizzate all’interno del canale anale e possono essere difficili da individuare, mentre le marische esterne si trovano all’esterno dell’ano e sono più facilmente rilevabili. Oltre a queste due tipologie principali, esistono anche le marische miste, che presentano caratteristiche sia interne che esterne. Le marische anali possono essere causate da molteplici fattori, tra cui stitichezza, diarrea, gravidanza, eccesso di peso e costipazione. La loro presenza può essere dolorosa e scomoda, ma possono essere trattate con successo con farmaci e procedure mediche adeguate.

Marisca anale: quali sintomi?

Le manifestazioni di una marisca anale non sono eccessivamente fastidiose: può svilupparsi prurito, o un semplice fastidio dovuto alla sensazione di avere un corpo estraneo nell’area. Di solito, il modo più semplice per accorgersi della marisca anale, è riscontrando difficoltà nel praticare la normale igiene dell’ano.

Altri sintomi della marisca anale rilevanti sono:

  • irritazione cutanea
  • lievissimo dolore

Questi sintomi però, possono indicare anche altri disturbi anali: ecco perché l’indagine visiva assume un ruolo fondamentale. Non si parla di autodiagnostica, ma di un’indagine clinica volta a valutare l’effettiva presenza delle marische e le cause per cui si sono sviluppate.

Le irritazioni cutanee (se verruche e se esterne) possono essere alleviate da dei cerotti specifici, detti “skin tag patch” (skin tag in inglese vuol dire “marisca”). Di seguito elenchiamo quello che sembra essere il miglior prodotto sul mercato al momento, fermo restando che si tratta di una soluzione temporanea in attesa di una diagnosi specialistica.

Ecco i migliori Skin Tag Patch

Bestseller n. 1
Cryotag Skin Tag Remover – Rimozione Rapida ed Efficace dei Fibromi Penduli – Rimuove i Porri della Pelle in un Solo Trattamento con Crioterapia, Clinicamente Testato, fino a 12 Trattamenti
  • RIMUOVE I PORRI CUTANEI IN 1 SOLO TRATTAMENTO * a casa tua, con la maggior parte dei porri sulla pelle e dei fibromi penduli rimossi entro 2 settimane
Bestseller n. 2
Verruche, Rimozione Verruche, Rimozione di Verruche, 180 Pezzi Skin Tag Removal Patches, Skin Tag Remover, Rimozione di Talpe, Acne Patch, Acne Pimple Master Patch, Rimuove le Verruche Comuni e Calli
  • Sicuro, semplice, efficace: verruche e calli possono essere rimossi facilmente . Allevia il dolore di rimuovere i polli. Una formula naturale che non irrita la pelle, sicura per il trattamento di verruche plantari, verruche su mani e dita.
Bestseller n. 3
Rimozione di Verruche e Calli, Skin Tag Removal Patches, Rimozione di Talpe, Acne Pimple Master Patch, 180 Pezzi
  • Sicuro, semplice, efficace: verruche e calli possono essere rimossi facilmente . Allevia il dolore di rimuovere i polli. Una formula naturale che non irrita la pelle, sicura per il trattamento di verruche plantari, verruche su mani e dita.
Bestseller n. 4
144 Pezzi Skin Tag Removal Patches, Layhou Mole Wart
  • Realizzato con ingredienti naturali, delicato sulla pelle, traspirante e affidabile da usare.
Bestseller n. 5
2 in 1 Skin Tag Remover, efficace e indolore Set-Safe and Easy Remove Small to Large (2mm-8mm) Size, Fall Off Kit a casa
  • 【Set 2 in 1 per sbarazzarsi dell’etichetta della pelle】 Cono di rimozione dell’etichetta della pelle di 2 dimensioni per rimuovere le etichette in modo più preciso. Quello più piccolo per 2-4 mm, quello più grande per 4-7 mm. Lo strumento di rimozione dell’etichetta della pelle può essere utilizzato sulla maggior parte del corpo. Escludendo le aree sensibili degli occhi.

La diagnosi deve essere effettuata da uno specialista, il proctologo, che possa escludere qualunque altro tipo di formazione estranea dell’ano e valutare la terapia più adatta.

Alla valutazione tattile e visiva, si associa quasi sempre l’anoscopia, per indagare il cavo rettale: questa indagine permetterà, non solo di scoprire la causa scatenante delle marische, ma anche l’eventuale presenza di altri fattori di rischio. Quali sono?

Perchè vengono le marische anali

Probabilmente è presente un’infezione risolta o in via di risoluzione, oppure che la marisca sia il risultato di un prolasso dovuto ad un disturbo interno della cavità rettale; in ogni caso le cause scatenanti le marische anali vanno ricercate tra fattori di predisposizione o ereditari.

Non solo le temute emorroidi quindi, tra le cause delle marische anali; anche le ragadi possono dar seguito a questi episodi, ma molto spesso le marische anali compaiono senza una causa specifica.

Soprattutto dopo una certa età, il tessuto epiteliale si indebolisce e rilascia. Accade in tutte le zone del corpo, non solo quelle esposte; quindi calma, prima di associare i corpi anali penduli a problemi molto più gravi, è bene conoscere cos’è la marisca anale e l’eventuale programma di cura.

La risoluzione del problema non sempre richiede un intervento esterno: al contrario, la cura della marisca anale è nella maggior parte dei casi autonoma e naturale. Ma nei casi di infiammazione, sporadica o recidiva, come si interviene? Come si possono rimuovere le marische anali?

marisca anale cura

Marisca anale: come si cura

La cura della marisca anale dipende dal tipo di manifestazione prodotta. Se la marisca non genera eccessivi fastidi, o finché non li genera, il trattamento non si ritiene necessario; al massimo viene consigliato al paziente di mantenere la zona il più possibile pulita per evitare irritazioni e infezioni. E se invece queste si sviluppano, come si trattano le marische anali?

Il trattamento solitamente consigliato, è quello con una pomata a base di nitroglicerina, che aiuta a rilassare il muscoli ed epitelio anale. Questo basta nella maggior parte dei casi, rendendo la presenza della marisca anale sopportabile e totalmente innocua a lungo. Tra i rimedi naturali è bene pensare anche a crema aloe vera.

Quando la marisca si infiamma, diventando più grande, tesa e fastidiosa, si interviene con un trattamento farmacologico mirato; solo nei casi estremamente fastidiosi si può ricorrere all’intervento chirurgico.

L’intervento chirurgico per rimuovere le marische anali è piuttosto semplice; si esegue anche in anestesia locale, bloccando le terminazioni nervose dell’area anale, effettuato con brevi incisioni o bruciature superficiali che guariscono in pochi giorni.

La marisca anale è davvero un disturbo che si cura facilmente, ma potrebbe essere altrettanto facilmente tenuto sotto controllo per anni, senza risentire di effetti negativi. Ecco perché, nonostante sia sostenibilissimo, l’intervento chirurgico è sempre l’ultima soluzione da valutare.

Marisca all’ano: come prevenire

Ci sono diverse misure preventive per la marisca all’ano. Vediamo insieme quali sono: 

  • Evitare di avere rapporti sessuali con partner che hanno sintomi evidenti di marisca ano o altre malattie sessualmente trasmissibili è un’altra misura importante di prevenzione. Se si sospetta di essere infettati dalla marisca ano, è importante evitare di avere rapporti sessuali finché non si è sottoposti a una diagnosi e a un trattamento.
  • L’uso del preservativo durante il rapporto sessuale può ridurre notevolmente il rischio di contrarre la marisca ano e altre malattie sessualmente trasmissibili. Tuttavia, poiché il virus HPV può essere trasmesso attraverso il contatto pelle a pelle, l’uso del preservativo potrebbe non essere del tutto efficace nella prevenzione della marisca ano.
  • Mantenere una buona igiene personale è un’altra misura importante di prevenzione della marisca ano. Ciò include lavarsi regolarmente le mani e la zona anale, evitare di condividere oggetti personali come asciugamani e indumenti intimi, e non graffiare o toccare la zona anale se si sospetta di avere una infezione.

Infine, esistono alcuni vaccini disponibili che possono aiutare a prevenire la marisca ano e altre malattie sessualmente trasmissibili causate dal virus HPV. Si consiglia di parlare con il proprio medico o ginecologo per determinare se il vaccino HPV sia appropriato per voi.

Conclusioni

In conclusione, la marisca all’ano è una malattia sessualmente trasmessa che può essere fastidiosa e imbarazzante per chi ne è affetto. Tuttavia, ci sono diverse misure preventive che possono aiutare a prevenire la marisca ano, come l’uso del preservativo durante il rapporto sessuale, l’evitare di avere rapporti sessuali con partner infetti e mantenere una buona igiene personale. Inoltre, esistono anche vaccini disponibili per prevenire la marisca ano e altre malattie sessualmente trasmissibili causate dal virus HPV. Ricordate sempre di parlare con il vostro medico o ginecologo per determinare la migliore strategia di prevenzione per voi.

Ultimo aggiornamento 2024-05-29 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API



Potrebbero interessarti anche questi articoli

Anemia: cos’è e come si cura

L’anemia deriva da un abbassamento dei globuli rossi e dell’emoglobina, la quale è molto importante in quanto è una proteina che serve per condurre l’ossigeno per tutto il nostro corpo…

Astenia: cos’è e come si cura

Astenia, dal greco asthèneia che vuol dire mancanza di forza. Questo è il significato più semplice di una patologia piuttosto fastidiosa; si manifesta come una vera e propria stanchezza cronica,…