Home » Alimentazione » Dieta del minestrone: esempio, ricette, alimenti risultati

Dieta del minestrone: esempio, ricette, alimenti risultati

La Dieta del minestrone, nata negli Stati Uniti, è uno dei programmi alimentari più in voga negli ultimi anni, grazie soprattutto alla sua promessa di far perdere peso in poco tempo.

È stato il cardiologo americano dell’ospedale Sacred Memorial di Saint Louis ad idearla per i suoi pazienti obesi, che dovevano perdere peso molto rapidamente in vista di un intervento.

Si tratta di una dieta a bassissimo apporto di carboidrati, ipocalorica e ipoproteica che promette di far perdere 5 chili in soli 7 giorni.

Prevede per una o due settimane il consumo esclusivo di verdura e frutta, sono, infatti, proibiti le patate ed i legumi, ma soprattutto i cereali.

Come funziona la Dieta del minestrone

La Dieta del minestrone prevede due fasi, la prima dura circa 4 giorni, la seconda inizia dal quinto giorno fino al 7, a meno che la dieta non sia portata avanti per 14 giorni.

Durante la prima fase, a colazione si può bere del tè o delle tisane. 

Sia a colazione, che a pranzo e cena, secondo questo metodo, si deve consumare del minestrone a base di verdure e ortaggi, condito con dell’olio extravergine d’oliva e un frutto.

Come spuntino e  merenda è possibile consumare dei succhi di frutta al naturale, quindi senza zucchero aggiunto, o della frutta intera.

Nella seconda fase, dal quinto al settimo giorno invece, nei menu si possono aggiungere dello yogurt, del latte, della carne magra e del pesce.

Nonostante, originariamente questo regime alimentare, non prevedesse dell’attività fisica, ad oggi si consiglia di abbinare un’attività motoria leggera ed aerobica.

Il consiglio è di svolgere tutti i giorni, per almeno mezz’ora 30 minuti di camminata, bici o attività simili, in modo da tener attivo il metabolismo.

Gli alimenti concessi

I cibi che concessi nella Dieta del minestrone sono la verdura, gli ortaggi e la frutta, tutti alimenti importanti per una sana alimentazione.

I vegetali sono infatti alimenti ricchi di sostanze benefiche per l’organismo.

Essi contengono fibre, antiossidanti e vitamine che favoriscono il corretto funzionamento del corpo. Nonostante ciò, però, da soli non bastano per dimagrire in modo sano e duraturo.

Mancano difatti di molti nutrienti fondamentali.

Mancano innanzitutto le proteine, che favoriscono il mantenimento e la formazione della massa magra e intervengono in diversi processi metabolici e i grassi che danno sazietà e agevolano il corretto funzionamento del metabolismo, il meccanismo che permette di bruciare calorie.

Sono inoltre carenti di carboidrati complessi, fondamentali per avere energia.

La soluzione, per rendere questo tipo di Dieta più equilibrata, è quella di abbinare a pranzo e cena il minestrone alle proteine della carne magra, del pesce, delle uova o dei legumi e ai carboidrati complessi presenti nei cereali integrali e nei loro derivati.

Anche a colazione, che è uno dei pasti fondamentali, per stare bene tutto il giorno, è importante non limitarsi a mangiare solo un frutto.

Per aumentare la sazietà e assicurare all’organismo i nutrienti di cui necessita, bisogna abbinarlo sempre a una fonte proteica come il latte, lo yogurt e a una quota di carboidrati complessi, come i cereali integrali, che aiutano a tenere a freno gli attacchi di fame nel corso della mattinata.

Ricetta per la Dieta del Minestrone

Ingredienti:

  • 2 carote
  • 50 g di piselli
  • 1 costa di sedano
  • 100 g di bietole da costa
  • 50 g di fagiolini
  • 1 cipolla
  • 50 g di polpa di zucca
  • 1 zucchina
  • 4 rametti di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 l di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale q.b.

Procedimento:

Lavare le carote e togliere le estremità, affettarle o tagliarle a cubetti.

Se si usano i piselli freschi, sgranarli. Se si usano quelli surgelati utilizzarli così come sono, freddi di freezer.

Lavare la costa di sedano, rimuovere i filamenti e affettarla. Lavare la bietola sotto acqua corrente. Ridurla a pezzetti. Se il gambo è molto spesso e carnoso ricavarne dei cubetti.

Lavare i fagiolini, togliere le estremità e tagliarli a pezzetti di 3-4 centimetri.

Pelare la cipolla, tagliarla a fette e ricavarne dei cubetti. Ridurre la zucca in cubetti di un centimetro di lato.

Lavare la zucchina e togliere le estremità. Se è sottile affettarla nello spessore di 4-5 millimetri, se è grossa tagliarla a cubetti.

Lavare i rametti di prezzemolo, selezionare le foglie, tamponarle con carta da cucina e tritarle finemente.

Finita la preparazione della verdura, iniziare a scaldare il brodo.

Nel frattempo, mettere in una pentola l’olio e l’aglio spellato. Accendere il fuoco e far rosolare a fiamma bassa fintanto che non assume un colore dorato, quindi toglierlo.

Unire le verdure e farle insaporire 4-5 minuti a fiamma vivace, mescolando continuamente, per poi unire il brodo e un pizzico di sale grosso.

Lasciar cuocere per 40 minuti dalla ripresa del bollore, a fiamma bassa. Trascorso il tempo indicato assaggiare e regolare di sale.

Benefici e controindicazioni

La Dieta del minestrone, così come nasce è un metodo veramente strong.

Si tratta, infatti, di un regime alimentare molto restrittivo.

Se un menù a base di ortaggi e verdura conditi con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva e della frutta viene eseguito per un paio di giorni non si corrono rischi. Ma se diventa un’abitudine può avere conseguenze dannose per la salute e anche per la linea.

Anche se la Dieta del minestrone fa perdere peso perché elimina acqua e liquidi in eccesso, in realtà non aiuta a sbarazzarsi della massa grassa.

Questo significa che si perde solo quella magra, ovvero i muscoli, che invece serve a bruciare di più e a rimanere in forma.

Come tutte le diete drastiche, quindi, se viene seguita per un lungo periodo ha come conseguenza il rallentamento del metabolismo e con il tempo porta addirittura ad un maggior accumulo di chili.

Va seguita per massimo 7 giorni, meglio evitare di andare oltre, ed è importante anche bere molto: non soltanto acqua ma anche infusi e tisane, ovviamente non zuccherati.

Per poter vedere i risultati è necessario seguirla con costanza e determinazione per una settimana, senza sgarri. 

Gli esperti hanno messo a punto un menù più sano, anche se ispirato alla Dieta del minestrone, che prevede qualche aggiunta per rendere ogni pasto della giornata più equilibrato.

Menù tipo della Dieta del minestrone in versione equilibrata

Colazione: yogurt al naturale + fiocchi di avena + un frutto di stagione.

Spuntino: una manciata di frutta secca (mandorle, noci, nocciole ecc.).

Pranzo: minestrone + una porzione di pesce (sgombro, ricciola, salmone ecc.) condito con erbe aromatiche e olio extravergine d’oliva + una porzione di pane integrale.

Merenda: 1 bicchiere di centrifugato di frutta fresca 

Cena: minestrone + 2 uova sode o alla coque + pane integrale.



Potrebbero interessarti anche questi articoli