Home » Salute » Zecca puntura: sintomi e che cosa fare

Zecca puntura: sintomi e che cosa fare

Che cosa fare quando una zecca ti ha punto? E quali sono i sintomi?

La zecca è un parassita esterno che si nutre del sangue di altri animali. Si tratta di un tipo di artropode di media taglia appartenente, come ragni e scorpioni, alla famiglia degli aracnidi.

Le sue dimensioni possono variare da tre millimetri a un centimetro, a seconda di fattori diversi come la specie, il sesso -se maschio o femmina-, il momento del suo ciclo biologico -se si tratta di larva, ninfa o adulto- e il quantità di sangue che ha ingerito detta zecca dal suo inquilino, sia esso un animale o un essere umano.

Sono noti circa 850 diversi tipi di zecche e, sebbene la maggior parte sia innocua, alcune di esse possono trasmettere diverse malattie. In Europa, infatti, sono i primi trasmettitori o vettori più frequenti di malattie nell’uomo e i secondi al mondo, dopo le zanzare, secondo i dati della Fondazione IO.

 

Zecca puntura: quando e dove c’è più rischio di essere morsi?

Il periodo in cui c’è il maggior rischio di essere morsi va da maggio a ottobre, anche se alcune specie possono mordere anche durante l’inverno. Tendono a farlo durante il giorno.

Questi parassiti si trovano spesso in aree boscose o erbose alte, aggrappati a rami, cespugli o fitti sottoboschi. Possono anche essere attaccati ad altri animali, nutrendosi.

 

Come avviene il morso?

Come abbiamo accennato, le zecche di solito rimangono accucciate nel sottobosco o nei cespugli, in attesa di un eventuale ospite a cui aggrapparsi. Contrariamente a quanto spesso si pensa, non lo fanno saltando o volando, ma di solito si attengono al percorso dell’animale o della persona, sebbene possano anche muoversi lungo il terreno fino a raggiungerli. Può anche succedere che il parassita passi da un ospite direttamente all’altro.

Una volta su di lui, cercano i luoghi caldi e umidi del suo corpo. Negli esseri umani, queste sono solitamente aree della piega come l’inguine, i glutei, la parte posteriore delle gambe, le ascelle, l’ombelico, la schiena, i genitali o dietro le orecchie. Possono anche prudere sul cuoio capelluto.

 

Puntura di zecca: i sintomi

Quando punge, la zecca inoculare sostanze anestetiche con saliva che rendono il morso indolore, quindi la persona o l’animale colpito di solito non nota nulla, tranne, occasionalmente, un leggero prurito o arrossamento della zona.

Pertanto, è necessario controllare attentamente il corpo subito dopo aver praticato attività in aree a rischio. Se necessario, dovresti chiedere aiuto o usare uno specchio per controllare anche quelle regioni del corpo a cui è più difficile accedere visivamente.

Più a lungo il parassita rimane sul suo ospite, maggiore è il rischio che trasmetta malattie.

 

Quali conseguenze può avere una puntura di zecca?

Non tutte le punture di zecca e non tutte le zecche sono portatrici di malattie. Solo alcune specie possono farlo e, in Spagna, secondo la Fondazione IO, il rischio di infezione è basso e varia a seconda dell’area geografica. Secondo questa istituzione, le malattie trasmesse dalle zecche più frequenti nel nostro Paese sono:

  • La febbre esantematica boutonnous o mediterranea.
  • Malattia di Lyme.
  • Debonel/Tibola: è l’infiammazione dei gangli dovuta a una puntura di zecca.

 

Altre malattie meno frequenti: anaplasmosi o babesiosi umana e, sporadicamente, casi di tularemia e febbre Crimea-Congo.

I sintomi di alcune di queste malattie possono essere molto gravi, ma se diagnosticati correttamente vengono trattati con successo con antibiotici e la maggior parte delle persone finisce per riprendersi completamente. Se non trattata, l’infezione può diffondersi e causare cambiamenti in altri organi ed eruzioni cutanee in altre aree del corpo. In alcuni casi, possono svilupparsi problemi neurologici o artrite, tra gli altri disturbi.

 

Puntura di zecca: che cosa fare?

Se ci rendiamo conto che una zecca ci ha morso, è fondamentale rimuoverla il prima possibile, poiché, come sappiamo, più passa il tempo, maggiore è la probabilità di infezione.

Il parassita deve essere completamente rimosso afferrandolo il più vicino possibile alla pelle usando una pinzetta a punta fine. Quindi, deve essere tirato delicatamente verso l’alto, senza girare o torcere il morsetto. Bisogna cercare di non schiacciarne il corpo, in modo che il suo contenuto non finisca per essere espulso attraverso il punto in cui aderisce alla pelle.

Non utilizzare rimedi o prodotti casalinghi, come vaselina, smalto o olio, né ricorrere a fonti di calore, come fiammiferi accesi per cercare di separare la zecca. Questi metodi possono causare la contrazione del parassita e iniettare più sostanza infettiva nel corpo della persona.

Dopo aver rimosso la zecca, l’area deve essere pulita con acqua e sapone e applicato un antisettico. Quindi devi lavarti bene le mani con acqua e sapone. In nessun caso il parassita deve essere schiacciato con le dita; D’altra parte è molto utile conservarlo in un barattolo con carta umida, e nel caso in cui la persona colpita sviluppi sintomi o complicazioni, deve essere portato in laboratorio per essere analizzato e verificato per l’eventuale microrganismo che causa il infezione.

Se una qualsiasi parte della zecca rimane sotto la pelle, è necessario consultare un medico, così come se, durante le settimane successive, compaiono sintomi come quelli che vedremo di seguito.

A quali sintomi dobbiamo prestare attenzione dopo una puntura di zecca?

Oltre a cercare possibili aree arrossate o eruzioni cutanee nella sede del morso, nelle quattro settimane successive dobbiamo stare attenti a segni e sintomi come:

  • Forte dolore nell’area dei morsi che dura per diverse settimane
  • Febbre.
  • Dolori articolari o muscolari.
  • Rigidità del collo.
  • Male alla testa.
  • Debolezza, che può diventare estrema.
  • Linfonodi ingrossati (linfoadenopatia).
  • Sintomi influenzali.
  • Nausea, vomito e diarrea.
  • Movimenti non coordinati.

Potrebbe esserci un coinvolgimento del fegato, del cuore o di altri organi.

In ogni caso, il rischio di sviluppare una malattia da zecche è minimo, anche se, ovviamente, se compaiono i sintomi, è essenziale avvisare il medico.

In questo articolo abbiamo visto la zecca puntura sintomi e che cosa fare a proposito.

Potrebbe anche interessarti: malaria che cos’è e come si cura 

 



Potrebbero interessarti anche questi articoli